Home > Legalita e illegalita

Legalita e illegalita

Legalita e illegalita

La resa alle organizzazioni armate operaie e partigiane genovesi siglata dal comando militare tedesco ne rappresenta,con ogni probabilità, il passaggio maggiormente esemplificativo. Non semplice resa militare dovuta a una pura contingenza bellica, ma resa politica a una parte costitutiva e costituente del nuovo ordine politico in gestazione. È il permanere di questa tensione organizzata, anche dopo la liquidazione del Regime, a obbligare la borghesia a cedere, anche sul piano dei principi formali, alla legittimazione delle forze operaie e popolari.

In poche parole: Difficile, in assenza di una presenza politica e militare di quella consistenza da parte delle masse subalterne, giungere al varo di una Costituzione dove il peso delle classi lavoratrici, sul piano giuridico formale, potesse trovare altrettanta attenzione e legittimazione. La forza e il suo esercizio, quindi, si mostrano come aspetto indissolubile dalla messa in forma del giuridico. Affermazione al limite del banale ma che, oggi, incontra ben pochi consensi.

Non perché stia ferma basti pensare a che fine hanno fatto il reato di falso in bilancio e i diritti dei lavoratori, che pure erano tutelati da un serie di leggi. Nelle nostre società, la battaglia si gioca intorno allo Stato in quanto sintesi del potere politico. In altre parole le classi sociali subalterne hanno perso il diritto a farsi Stato. Una classe alla quale è negato il diritto a farsi Stato è una non classe , un magma informe, un insieme di individui pre-sociali perché incapaci di stabilire tra loro un qualunque sodalizio sotto forma di patto.

Pare che i risultati siano stati buoni e durevoli. E chissà quante altre amministrazioni ne sono stati i committenti in questi ultimi anni. Se ha il permesso della commissione edilizia a Modena credo che nessuno abbia lasciato uno straccio di autorizzazione va bene, altrimenti è illegale e quindi potenzialmente da codice penale sino a 6 mesi come richiesto dal Tribunale di Milano? E chi decide se un artista writer è degno di autorizzazione a far disegni e scrivere sui muri o strutture pubbliche ponti, acquedotti, scuole, ospedali, tribunali…. Se prendiamo il treno già oggi è tutto un susseguirsi di muri affrescati, scritte. Ci sono a disposizione milioni di metri quadrati in tutta Modena, in tutta la penisola, nel mondo.

Che fare allora? Continuiamo a parlarne per favore. Ancora non saprei né come urbanista né come cittadino né, se fossi un amministratore, affrontare il tema. Invitiamo ancora questi writers a parlarci di loro, invitiamo i critici a farci riflettere, gli urbanisti ed architetti ad essere presenti con maggiore forze qualitative ed impegno a questi momenti. Uno strumento fra i tanti di riqualificazione edilizia e urbanistica? Un modo di comunicare? Un modo di protestare? Di sentire ed immaginare? Di denunciare? Per favore, a breve, incontriamoci ancora che abbiamo molto e molto da imparare e da dire.

Nel frattempo non facciamoci del male. Niente galera per nessuno, niente edifici storici religiosi o meno da utilizzare come tela. Se proprio vi scappa…. Senza contare alcune parti di aree industriali, abbandonate o meno, periferie degradate e squallide che solo i vostri colori possono almeno tamponare per apportare gioia , vitalità e pensiero creativo e riflessione non violenta. E poi che qualche amministrazione pubblica e privato illuminato scelga fra di voi quelli che crede siano i più bravi interpreti di questo fenomeno per iniziare almeno a capire se il writing senza committenza ed illegale sia davvero meglio di quello di una opportunità che un potere tollerante e lungimirante possa dare a voi per esprimervi e raccontarci ed a noi cittadini per riflettere e godere meglio di pezzi e parti di città.

Stai commentando usando il tuo account WordPress. Stai commentando usando il tuo account Google. Stai commentando usando il tuo account Twitter. Stai commentando usando il tuo account Facebook. Notificami nuovi commenti via e-mail. Chi Siamo Teniamoci in contatto Search. Ricerca per:

Legalità e illegalità. | Dalla Scuola - [email protected] - Il giornale web con gli studenti

È la stessa esistenza di azioni prescritte e sanzionate che comporta l'esistenza di azioni proibite. Legalità e illegalità sono termini relativi, come «maschio» o. Quindi l'illegalità è compiere una qualsiasi azione che danneggia la libertà degli altri e di noi stessi, invece la legalità è compiere azioni che. Le “corrispondenze londinesi” dei lettori de Il Fatto del 10 agosto offrono lo spunto per riprendere tra le mani la questione del rapporto tra. Partite dalla definizione di legalità e ampliate questa sezione toccando di una persona al concetto di legalità o, al contrario, di illegalità. Esempi di legalità e illegalità, la promozione di una cultura della legalità e l\' importanza dell\'educazione e la sensibilizzazione dei giovani sul tema della. Educare alla legalità, educare all'illegalità Ovunque e comunque Legalità e illegalità non sono concetti astratti: esse sono presenti e si mostrano nelle. A beneficio mio, e spero anche vostro, metto in fila qualche appunto preso ieri nel corso della Giornata per la trasparenza e la legalità.

Toplists